"Le idee fanno grandi gli uomini; gli uomini possono rendere grandi le idee, realizzandole!" (Marco Ianes)


giovedì 22 aprile 2021

Dal FATTO QUOTIDIANO una mia riflessione, dopo lo sconcertante articolo del vicepresidente della giunta provinciale di Trento, nonché assessore all'ambiente (sic) Mario Tonina. 






lunedì 28 dicembre 2020

Neve che cade, anche al Casteller, dove tre orsi sono segregati in condizioni pietose!

#orsiliberi
Penso alla neve che cade. Penso ai boschi, luoghi di vita degli orsi, dei cervi, dei lupi, scoiattoli e molti altri animali del bosco; poi, penso, tristemente, alla neve che cade al Casteller, che i tre orsi vedono cadere dietro le sbarre di una prigione in cemento.

E penso che sono stati messi lì per la cattiveria, la perfidia di un uomo, che ha un nome: PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TRENTO, MAURIZIO FUGATTI.

Un uomo che ne ha fatto, a questo punto, una questione del tutto personale ed esclusivamente politica.
Gli orsi del Casteller potrebbero essere liberati, con radio collare, anche subito.

Lo chiede il MONDO intero e il Trentino è su tutta la stampa nazionale e internazionale per i maltrattamenti che questi orsi stanno ANCORA SUBENDO!

E la Procura di Trento, dove giacciono numerose denunce, DORME in SILENZIO ASSORDANTE!

Ma, prima o poi, tutti i nodi verranno al pettine.
Intanto, però, continua la prigionia degli orsi! E...sono in arrivo altre denunce, con elementi nuovi!

Mai fermi, sempre e continuamente sul pezzo, per liberare gli orsi! Si continua a combattere per la loro libertà!



domenica 1 novembre 2020

Liberiamo gli orsi, ministro Costa. Basta chiacchiere.

Mentre stiamo soffrendo per le limitazioni imposte dal Covid, restrizioni delle libertà personali, non riusciamo ad essere “civili” nemmeno con gli orsi, che nascono liberi e fanno ciò che natura insegna loro. E li teniamo imprigionati in gabbie in cemento, maltrattandoli, come si evince dal rapporto del Cites (carabinieri forestali) inviati al Casteller dal ministro “evanescente”Costa.  Un ministro che si scandalizza per la situazione, appare interessato sui blog e sulla stampa, ma dopo aver avuto conferma dei maltrattamenti non fa più nulla. E il presidente Fugatti, che ha incassato più ricorsi accolti lui che tutti i suoi predecessori in merito all’operato sugli orsi, continua  la sua barbara opera di maltrattamenti, non liberando gli orsi al Casteller. E il resto della politica che fa? Letargo silente! Qui una petizione lanciata per sollecitare il ministro ad intervenire. Venerdì 6 novembre verrà chiusa ed inviata al ministro. Firmate e condividete numerosi. 


Marco Ianes - Trento

mercoledì 21 ottobre 2020

Orsi e uomini, convivenza possibile.


#orsi #m49 #m57 #dj3 #jj4 
Qui il meeting on line tenuto CON ESPERTI VERI il 19/10/2020. 

Su youtube potete vedere e ascoltare Antonio Liberatore, Giancarlo Ferron, Corradino Guacci, Gabriele Bertacchini, Davide Celli, Ornella Dorigatti e il sottoscritto.  

Per parlare di convivenza possibile è necessario fare formazione e informazione

E si cerca di farla coinvolgendo chi lavora con gli orsi da oltre 30 anni, come veterinari, guardiacaccia, formatori e dirigenti forestali esperti. 

Non sparando a zero sui giornali aggressioni farlocche o provocate da comportamenti errati degli uomini. 



lunedì 5 ottobre 2020

Qui un bellissimo articolo del THE GUARDIAN; orsi, Trentino che ne sfrutta il marchio per pubblicità, ma li tiene in galera! 


Per chi vuole, qui la traduzione in italiano :

L’orso Papillon: come il 'genio della fuga' ha acceso un dibattito nazionale in Italia. 

 Un tempo era uno degli animali selvatici "più ricercati" d'Europa, l'orso ora incarcerato è diventato il simbolo del conflitto per la reintroduzione dei grandi predatori. 

Il prigioniero si trova in una gabbia di due metri per sei, circondata da tre recinzioni elettriche da 7.000 volt, una barriera alta quattro metri, telecamere a circuito chiuso e un certo numero di guardie forestali. Da lontano, la struttura ricorda una prigione di massima sicurezza o anche il recinto del  T-rex in Jurassic Park. Il detenuto non è, tuttavia, un rettile di grandi dimensioni o un boss mafioso siciliano, ma un orso. Il suo nome in codice è M49, soprannominato Papillon, e fino alla sua cattura il mese scorso, era l'animale selvatico più ricercato d'Europa, accusato di aver massacrato dozzine di mucche e pecore sulle montagne del nord Italia. 

Papillon, che pesa 149 kg, è considerato dalle autorità un "genio della fuga". È stato ripreso dai dalla guardia forestale il 7 settembre dopo essere fuggito sei settimane prima dal suo recinto presso il centro faunistico di Casteller, a sud della città di Trento. Il recinto era stato precedentemente rinforzato dopo che Papillon era fuggito tre volte. Un'altra fuga sarebbe un imbarazzo pubblico per le autorità, il che significa che dal 7 settembre Papillon è rinchiuso, ha detto una fonte ufficiale al Guardian. 

La storia di Papillon, che alla fine è stato catturato due settimane dopo che un altro giovane orso maschio ha aggredito un agente di polizia nella provincia di Trento, ha riacceso il dibattito sulla reintroduzione degli orsi bruni nella regione. 

 'E le mucche e le pecore?' 

Gli orsi sono al centro della cultura e della storia del Trentino-Alto Adige. Uno dei santi della zona è San Romedio, un eremita del IV secolo che viene spesso raffigurato con un orso al suo fianco. La leggenda vuole che il cavallo che Romedio stava cavalcando mentre si recava a Trento per incontrare il vescovo sia stato sbranato da un orso. L'eremita domò l'orso e  lo cavalcò fino alla sua destinazione. 

 La caccia intensiva iniziata nel XVII secolo ridusse notevolmente il numero di orsi bruni in Italia, poiché i governatori della città pagavano ai cacciatori somme ingenti per uccidere gli animali. Nel 1998 in Trentino erano rimasti solo quattro orsi selvatici. 

Con gli orsi prossimi all'estinzione, è stato lanciato il progetto Life Ursus, finanziato dall'Unione Europea, per reintrodurre gli orsi nella regione. 

 "Hanno portato in Trentino nove orsi dalla Slovenia, tre maschi e sei femmine", dice Osvaldo Negra, zoologo e rappresentante del World Wide Fund for Nature a Trento. “All'inizio degli anni 2000 sono nati i primi cuccioli. Da allora, la popolazione è aumentata lentamente ma inesorabilmente fino a raggiungere i 60 orsi. Nel 2010 il progetto Life Ursus è stato dichiarato concluso con successo ". 

Sembrava tutto sulla buona strada, ma la reintroduzione degli animali nel parco naturale Adamello Brenta riaccese presto la tradizionale battaglia tra uomo e orsi. 

 "Gli orsi hanno iniziato a spostarsi da una zona all'altra", dice Ornella Dorigatti, rappresentante di Trento per l'Organizzazione internazionale per la protezione degli animali (OIPA). "Raggiunsero i limiti di alcuni villaggi e, data la mancanza di cibo in montagna, iniziarono a depredare il bestiame, che vaga libero in queste valli". Oggi, i pastori che perdono il bestiame vengono rimborsati fino a € 1.200  per animale. Ma il conflitto sugli orsi continua. 

 "Gli orsi stanno compromettendo il nostro sostentamento in queste valli", dice Giacomo Broch, 43 anni, presidente dell'Associazione Pastori della provincia di Trento. “Le ricompense vanno bene, ma fino a un certo punto. Le nostre mucche e pecore non sono solo numeri. Ognuno ha un nome e una storia. Tutti vogliono difendere gli orsi, ma perché nessuno considera le mucche e le pecore indifese che vengono sbranate da questi carnivori? " 

Broch aggiunge: “Dobbiamo contenere i loro numeri. E quando dico contenere, intendo dire abbattere ". 

 Quando gli attacchi hanno iniziato a diventare più frequenti, con l'aumento del numero di orsi, sono state formate speciali squadre armate "anti-orso" per catturare e, se necessario, sparare agli orsi considerati "potenzialmente pericolosi". 

 Nel 2012, un orso di sei anni con nome in codice JJ5, accusato di aver attaccato numerosi animali da fattoria, è morto dopo essere stato sedato. I suoi resti imbalsamati sono esposti al terzo piano del Museo delle Scienze della città di Trento. Nel 2014, Daniza, madre di due cuccioli, è morta per essere stata tranquillizzata dopo essere stata catturata per aver presumibilmente tentato di aggredire un uomo. Nel 2017, le guardie forestali hanno ucciso KJ2, un’ orsa accusata di aver aggredito un uomo nel bosco. Altri orsi sono finiti dietro recinti recintati, mentre circa 10 sono semplicemente scomparsi. 

"Le soluzioni per proteggere i pastori esistono", dice Negra. “Ci sono recinzioni elettrificate e cani da guardia. Le autorità hanno invece adottato un approccio che io chiamo "occidentale", in cui gli orsi sono considerati criminali incalliti che meritano di essere rinchiusi ". 

 'I nostri antenati hanno capito bene' 

Nel 2018 Maurizio Fugatti, esponente della Lega, partito di estrema destra, è stato eletto presidente della provincia autonoma di Trento, grazie in gran parte al sostegno dei pastori. Ha dato l'ordine ai forestali se necessario, di sparare a vista agli orsi ritenuti pericolosi. 

 In cima alla sua lista c'era M49, di quattro anni, il 49esimo orso maschio nato in Trentino, che aveva acquisito uno status leggendario nella regione. Affermando che tale orso fosse responsabile dell'attacco a dozzine di animali da fattoria, Fugatti ha ordinato che fosse catturato e la sera del 14 luglio 2019 l'orso è stato preso in custodia. 

Il giorno dopo la sua cattura, la gabbia dell'M49 era vuota. L'orso era riuscito a scavalcare tre recinzioni elettriche e una barriera alta quattro metri prima di scomparire nel bosco. Fugatti ha concesso ai forestali il permesso di sparare all'orso se si avvicinava ad aree abitate. "Il fatto che l'orso sia riuscito a scavalcare un recinto elettrico con sette fili a 7.000 volt dimostra che questo esemplare è pericoloso e pure un problema di sicurezza pubblica", ha detto Fugatti all'epoca. 

La grande fuga valse a M49 il nome di Papillon, dal nome dell'omonimo personaggio del libro di memorie di Henri Charrière sulla fuga da una colonia penale francese, distribuito come film nel 1973 con Steve McQueen. L'animale è stato ripreso il 29 aprile di quest'anno, ma è rimasto in cattività solo per due mesi prima di fuggire di nuovo. Dopo essere stato nuovamente catturato, il suo recinto è stato rinforzato e l'orso è stato dotato di un radio collare per monitorare i suoi movimenti. Fu tutto inutile, poiché Papillon, che era già diventato un simbolo di libertà e un paladino della forza della natura sull'uomo, è riuscito a scappare ancora una volta il 27 luglio e si è tolto il collare. 

In fuga, l'orso più ricercato d'Europa ha attraversato la Val di Fiemme, dove pascolavano le mucche dei fratelli Varesco. La famiglia Varesco è fatta da pastori da tre generazioni. La notte del 14 agosto di quest'anno, l'orso fuggitivo avrebbe ucciso quattro delle loro mucche. "Li ha uccisi tutti, ma ha mangiato solo il vitello non ancora nato di una delle giovenche", dice Mauro Varesco. “Da queste parti, fino a pochi decenni fa, la gente riceveva premi per la caccia agli orsi. I nostri antenati agivano bene ". 

Il periodo di fuga di Papillon si è concluso il mese scorso. Una fonte ufficiale del centro di Casteller, dove l'animale è attualmente detenuto con altri due orsi, ha detto che Papillon ora trascorre le sue giornate in una gabbia e che nelle prime settimane di detenzione i veterinari gli hanno somministrato dei tranquillanti per calmarlo. Fugatti e le autorità di Trento non hanno risposto alle richieste di commento del Guardian. 

Il ministro dell'ambiente italiano, Sergio Costa, da allora ha dichiarato che l'animale deve essere restituito allo stato selvatico. Ma su Facebook, Costa ha detto che il governo nazionale aveva poca autorità sul futuro di Papillon, poiché lo status di autonomia della provincia di Trento le dava il diritto di decidere il futuro dell'orso. 

 "Tra un M49 rinchiuso per tutta la vita e un M49 morto, come zoologo preferisco l'eutanasia", dice Negra. "Lo considero una soluzione più adatta per un animale selvatico." 

 Anche se Papillon verrà rilasciato nei prossimi giorni, gli attivisti per i diritti degli animali sono pronti per una battaglia legale in corso contro le autorità per gli orsi della regione. "Gli orsi devono essere tenuti liberi", dice Dorigatti. Negli ultimi 10 giorni dichiara di aver fatto uno sciopero della fame per protestare contro l'incarcerazione di Papillon. 

“Il Trentino ha ottenuto fondi dall'Unione Europea per reintrodurre gli orsi. E proprio mentre il numero di orsi in questa regione ha iniziato a stabilizzarsi, vogliono eliminarli perché credono che ce ne siano troppi ", dice Dorigatti. "Questi boschi appartengono ai lupi, agli orsi e ai cervi", aggiunge. "Noi umani siamo solo ospiti." 

Dall'altra parte della discussione ci sono i pastori che vivono in queste valli da generazioni e non desiderano condividerli con i grandi predatori. Al centro c'è  Papillon, racchiuso in una gabbia di due metri per sei, e la domanda se la reintroduzione di specie in Europa possa funzionare. 

"Il ritorno dei grandi predatori nelle foreste italiane, ma anche nell'Europa centrale, è una sfida enorme", afferma Marco Galaverni, direttore scientifico del WWF Italia. “Non dobbiamo dimenticare che queste specie sono molto carismatiche, e ci vuole una conoscenza specifica per convivere con loro affinché i benefici della loro reintroduzione siano condivisi da tutti, ma soprattutto per evitare spiacevoli incontri con loro. 

“Da anni stiamo lavorando a un progetto con partner europei nel Mediterraneo chiamato Life Arcprom, il cui obiettivo è migliorare la convivenza tra uomo e orsi per prevenire il rischio di incontri ravvicinati ed evitare danni ai pastori. 

 "In sostanza, uno sparo non può risolvere la nostra convivenza con gli orsi." 


Marco Ianes - Trento